• it
  • en

Lunedi-Venerdi: 8:00-13:00/14:00-17:00

Sabato: 9:00-12:00/pomeriggio chiuso

Produzione

Avvolgeria

Per la realizzazione degli avvolgimenti vengono impiegate molteplici attrezzature, in funzione della tipologia dell’avvolgimento e della tecnologia da applicare.

 

La Meis dispone di:

 

  • avvolgitrici dotate di controllo di velocità e di sistemi di guida e frenatura conduttori, idonee alla costruzione di bobine di avvolgimento fino a 3000 mm. di lunghezza;

 

  • macchina pneumatica per la divaricazione e formazione di bobine;

 

  • presse elettropneumatiche shuman per lo stampaggio a caldo dei tratti attivi realizzati con materiali isolanti (samicatherm).

 

  • Altresì su tutti i tipi di avvolgimenti possono essere utilizzate le tecnologie di impregnazione globale sottovuoto per le quali la Meis dispone dei relativi know-how e le specifiche attrezzature.

Montaggio

Le macchine elettriche rotanti sottoposte a riavvolgimento vengono preventivamente verificate per individuare le cause che hanno prodotto il disservizio. In tale ambito vengono studiate le possibilità di apportare eventuali modifiche alle caratteristiche originarie di progetto.

 

Ciò per conferire alla macchina maggiori doti di affidabilità e durata, perché sia in grado di sopportare adeguatamente fenomeni elettrodinamici in fasi di spunto, elevate temperature, per preservarla da agenti atmosferici e/o chimici.

Impregnazione

Questo reparto è destinato al trattamento di impregnazione sottovuoto e pressione delle macchine elettriche rotanti poste in riparazione ed al successivo ciclo termico per la cottura delle resine.

 

L’impianto è costituito da:

 

  • un corpo cilindrico in acciaio avente diametro interno di 3150 mm. ed un’altezza di 5000 mm.; è in grado di raggiungere un vuoto di 0,01 mbar e di sopportare una pressione assoluta di 7 bar a temperatura ambiente;

 

  • un serbatoio di stoccaggio delle resine;

 

  • un gruppo del vuoto;

 

  • un sistema di raffreddamento e riscaldamento resine mediante pompa di calore.

 

Dopo il trattamento di impregnazione secondo i cicli prestabiliti, la macchina viene posta in forno autoventilato, per la fase di essiccazione. Le temperature sono controllate da un dispositivo digitale abbinato ad un altro analogico che traccia il relativo diagramma tempo/temperatura.

Collaudo

Tutti i motori vengono sottoposti a rigorosi collaudi sia in corso d’opera, sia in fase finale.

Vengono effettuati controlli elettrici e dimensionali di tutti i componenti prima di essere utilizzati per il montaggio.

La sala prove è dotata di sofisticate strumentazioni per poter eseguire tutte le prove previste dai capitolati.

 

Le principali apparecchiature sono costituite da:

 

  • generatore A.T. cc 50 Kv per prove di rigidità e misura Idp;

 

  • generatore ad impulsi 24 Kv per prove di corto circuito avvolgimenti;

 

  • ponte differenziale per misura Tg δ e capacità avvolgimenti;

 

  • multimetri da banco BBC;

 

  • gruppo alternatore in frequenza per prove di rotazione da 150 Kw;

 

  • rilevatore di temperatura ad infrarossi;

 

  • rilevatore di vibrazioni;

 

  • banco di comando con annessa strumentazione di controllo per il rilievo di tutti i parametri elettrici.